Tag

, , , , , , , , ,

Uomini dell'associazione "Raggruppamento SPA" controllano i mezzi storici durante un pit stop della Colonna

Uomini dell’associazione “Raggruppamento SPA” controllano i mezzi storici durante un pit stop della Colonna

In tanti studiarono il tracciato, ma fu L’ing. Protche, nel 1882, a pensare un progetto fattibile e lo fece a partire da un precedente progetto del 1871. Ci vollero però ancora parecchi anni per riparlare della DIRETTISSIMA. Ri-accadde quando, nel 1902, venne istituita una commissione incaricata di analizzare i vari progetti, e questa commissione si decise a scegliere il tracciato definitivo soltanto nel 1911. I lavori iniziarono nel 1913 ma furono rallentati dalla prima Guerra Mondiale, dal dopoguerra, dalla difficoltà di scavo della Grande Galleria dell’Appennino e dalla crisi del ’29. E’ nel ventennio fascista che viene terminata la galleria.                                                                                                                                                                                   
Manca poco più di un mese alla seconda edizione di questo importante evento di importanza nazionale, che si concretizza in una rievocazione storica, con accasermamento (nei pressi dell’abitato di Lagaro) e una la partecipazione di numerosi automezzi militari d’epoca, dedicata alla Linea ferroviaria “Direttissima” cordone di collegamento tra Bologna e Firenze che l’anno scorso ha compiuto ottanta anni dalla sua inaugurazione.

Il re d’Italia inaugura la linea Direttissima, innovativa via di comunicazione ferroviaria tra Bologna e Firenze:
– Il primo treno percorre la tratta Prato-Bologna nella notte tra il 22 e il 23 aprile del 1934.
– Partito alle 10,30, è transitato a Vernio a mezzanotte.
– L’opera è durata 30 anni.
– E’ costata 1 miliardo e 122 milioni, contro i 150 milioni previsti prima della grande guerra.
La costruzione della Grande galleria dell’Appennino, un tunnel di 18 km a soli 328 metri sul livello del mare. ha dato da lavorare a migliaia di lavoratori, provenienti da tutta l’Italia, in particolar modo dai paesi tosco-emiliani.

Il territorio toccato dal tragitto, in questa seconda edizione della rievocazione storica, si snoda sui comuni di: Castiglione dei Pepoli, Camugnano, Firenzuola, Grizzana Morandi, Monzuno e San Benedetto Val di Sambro. La colonna di automezzi di grande valore storico partirà il sabato mattina del 26 settembre dall’insediamento di Cà di Landino (che è stato villaggio degli operai minatori che hanno realizzato la “Grande Galleria dell’Appennino” detta appunto Direttissima poi in seguito caserma dei tedeschi con depositi di munizioni e carburante ed infine caserma delle truppe Sudafricane inquadrate nell’esertico inglese e quindi alleate con quelle americane. Il genio ferroviario militare inglese ha riattivato la linea ferroviaria subito dopo la chiusurà delle ostilità della seconda guerra mondiale in quanto le truppe tedesche avevano distrutto con un carro ferroviario fatto a erpice gigante tutto il sedime ferroviario della vecchia linea in funzione. L’ordierna frazione di Cà di Landino si trova nel territorio comunale di Castiglione dei Pepoli (raggiungibile dall’uscita autostradale di Pian del Voglio sulla A1 detta “Autostrada del Sole”. Tutto il percorso della Colonna si snoda attorno alla linea ferroviaria Direttissima nel punto di massimo combattimento della Linea Gotica quando le truppe alleate risalivano l’appennino fiorentino e liberavano la città di Bologna nell’aprile del 1945.

La Colonna della Direttissima” è promossa da ABC – Appennino Bene Culturale e organizzata in collaborazione con Adriatic Veteran Car Club di Riccione e con Raggruppamento SPA di San Marino insieme a numerose associazioni a carattere locale, nelle giornate del 26 e 27 settembre 2015 si terrà la seconda edizione di un importante raggruppamento e raduno dinamico sul motorismo storico.

Per i conduttori di automezzi militari e civili, visto che la partecipazione non prevede ne una quota di iscrizione e neppure il costo dell’ospitalità è indispendabile accreditarsi scrivendo a info@abcappennino.it

La Direttissima La DirettissimaLa Direttissima

Annunci